IMG_0287

Ugone de’ Pagani, Cavaliere Templare, nuovo Beato nella Chiesa Ortodossa

di , 18 settembre 2017

 Con il SOLE sull’ ABBAZIA, ELEVATO ALLA GLORIA dell’ ALTARE   

 un Cavaliere Templare:  SANT’ UGONE de’ PAGANI

Le nuvole si sono aperte, nonostante il cielo cupo approvasse previsioni negative, quando Abati, Monaci e Sacerdoti della Chiesa Ortodossa Italiana Autocefala si sono riuniti sabato 16 settembre alle ore 11 nell’Abbazia di San Martino, presso Petroro nelle vicinanze di Todi. Insieme a loro anche molti fedeli, neofiti ed amici, nonché Cavalieri e Dame appartenenti ai Templari della “Confraternita Ugone de’ Pagani”. Aria di estate nei suoi raggi finali, aria di spiritualità che nel mondo attuale sembra cedere a profitti e materialismo e che ritrova pienezza nella ragione di questo incontro, la Glorificazione del nobile Templare Ugo de’ Pagani, o de Payns in lingua francese medievale.

Ugo, o Ugone, combattè vigorosamente gli infedeli, morendo da prode in battaglia presso Tiro. Le sue imprese guerresche ed umane lo hanno disposto alla corona luminosa della santità, insieme a Jacques de Molay, San Giacomo, Gran Priore dei Cavalieri dalla Croce Patente, precedentemente santificato nell’Abbazia di Sant’Araldo a Marta.

Il rito si è svolto con grande partecipazione, nel nome di Cristo e di Maria Santissima, apici della tradizione di Fede dei Templari di San Bernardo di Chiaravalle, con la benedizione di Sua Beatitudine Alessandro I° (al secolo Alessandro Meluzzi), Primate della Chiesa Ortodossa, trasmessa in viva voce dal Vescovo Cosma (al secolo Antonio Parisi) – Eparca della Puglia, Acirenza e delle Terre di Lucania, alla presenza del Cancelliere Filippo Ortensi – Eparca delle Terre del Lazio e della Tuscia, di Monsignor Massimiliano da Todi, di Padre Stefano e di altri Sacerdoti. La cerimonia ha riconosciuto giustamente l’opera cristiana del Templare Ugo e, al termine della Divina Liturgia, lo ha glorificato con rispetto e venerazione.

Al termine del rito, nel Refettorio dell’Abbazia, gioiello architettonico medievale, restaurato nell’incanto della semplicità del Titulus, è stato consumato un pranzo rigorosamente vegetariano, secondo l’usanza dei monaci. Qualcuno è penetrato nell’articolato complesso per gioire della serena bellezza di esso e per ammirare le produzioni erboristiche negli ambienti annessi.

La vicina città di Todi ha fatto da sfondo nella sua affabulazione medievale, con i colori allegri delle costruzioni e le pregevoli testimonianze antiche. 

Tempio_di_San_Fortunato,_Todi   IMG_0270

Un evento che rimane nel cuore di chi ha partecipato e che effonde, riferendo, lo spirito raccolto nel rito, quasi un Graal contro l’abiezione e la falsità dell’attuale società.

Marilù Giannone

  IMG_0267  IMG_0276

IMG_0280 (1)  IMG_0283

 IMG_0265      IMG_0282

  

*** *** *** 

Notevole la presenza dei Cavalieri e Dame appartenenti alla Confraternita Templare “Ugone dei Pagani” provenienti da Salerno –  Sede dell’Ordine – e da altre Terre d’Italia, con il Gran Priore Fr. Francesco Russo e vari Dignitari. Tra i numerosi ospiti ed invitati: Manlio Mochi – del Tempio della Concordia, Enzo Modulo Morosini – di Risicalla e Sant’Anna, Giuliano Marchetti – dell’ Ordo  Sancti Sepulchri – Cavalieri Bianchi di Seborga.

Info sull'Autore

Continuando a navigare, acconsenti all'utilizzo dei Cookies. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close