Fashion blogger ed influencer sotto attacco

di , 30 settembre 2016

Risale a qualche giorno fa “l’attacco” sferrato da Vogue.com verso fashion blogger ed influencer. La dichiarazione di guerra è stata affidata alle opinioni di quattro note firme della testata, impegnate a seguire le sfilati milanesi. Così facendo la Condé Nast ha aperto uno scontro, strutturale, che probabilmente era inevitabile vista l’ormai sovrapposizione di interessi tra l’editoria classica e quella parcellizzata dei nuovi media. 

Sally Singer, creative digital director, si è rivolta ai diretti interessati senza mezzi termini: “Blogger che cambiate outfit dalla testa ai piedi ogni ora: per favore smettetela. Cercatevi una altro lavoro. State proclamando la morte dello stile”. Nicole Phelps, Vogue Runway director, ha additato anche le aziende: “Non è solo triste per le donne che si pavoneggiano davanti all’obiettivo indossando abiti in prestito. È angosciante vedere così tanti brand collaborare”. Alessandra Codinha, Vogue.com news fashion editor, ha precisato quanto sia ormai poco corretto definirli blogger dato che ormai quasi tutti si limitano a farsi fotografare per aggiornare i propri profili social senza scrivere nulla”.

Immediate le reazioni dei più famosi BryanBoy e Susie Bubble, entrambi fashion blogger della prima ora, che hanno espresso il loro punto di vista attraverso vari tweet. “Bullismo da cortile, semplice ed evidente”, è stata la risposta di Bryanboy. Mentre Bubble ha invitato i propri follower a riflettere sul coinvolgimento economico che lega i magazine ai propri inserzionisti e paragona l’essere pagata per indossare alcuni outfit ai credits presenti sulle riviste per specificare i marchi fotografati.

Non solo Vogue però, anche Neiman Marcus si scaglia contro i fashion blogger, scatenando reazioni globali da parte del popolo social. Il department store apre su un altro fronte puntando espressamente il dito contro i nuovi media e la rete per il calo di vendite. “Oggi le sfilate sono trasmesse in diretta in tutto il mondo attraverso i social media. Quando la merce arriva sugli scaffali, molti mesi dopo, il fascino della novità e l’eccitazione sono già logore e il cliente è passato oltre”, ha dichiarato Karen Katz, CEO Neiman Marcus Group, durante una conference call con gli investitori.
Le vendite a parità di perimetro sono diminuite sia per Neiman Marcus, che per i competitori quali Macy’s, Saks Fifth Avenue e Nordstrom a favore degli e-tailer come Yoox Net-a-Porter. Per limitare i danni Neiman Marcus sta cercando di accorciare i tempi di consegna e potenziare il suo e-commerce, canale che attualmente rappresenta il 25% delle vendite online.

fonte pambianconews, foto Bryanboy.com


Info sull'Autore

Continuando a navigare, acconsenti all'utilizzo dei Cookies. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close